Pagina iniziale miOriento

Interessi e caratteristiche personali - Passo 1: Prendo conoscenza dei miei interessi e delle mie caratteristiche personali

Professioni e formazioni - Passo 2: Esploro le diverse professioni e formazioni

Caratteristiche personali e abilità - Passo 3: Confronto i miei interessi e le mie caratteristiche personali con le abilità richieste dalle professioni e formazioni

Stage d'orientamento - Passo 4: Svolgo degli stage d'orientamento per scoprire qual è la professione più adatta a me

Esaminare e prendere una decisione - Passo 5: Esamino i mestieri e le formazioni per elaborare il mio progetto formativo

Tirocinio in azienda o scuola a tempo pieno - Passo 6: Metto in pratica la mia decisione: cerco un posto di tirocinio o mi iscrivo ad una scuola

Prepararsi per la nuova formazione - Passo 7: Mi preparo alla nuova formazione o valuto se optare per una soluzione transitoria

Cartella di lavoro - I tuoi risultati

Per favore attendere...

miOriento sta caricando.

Disconnesso

La sua sessione di lavoro è finita. Verrà reindirizzato sulla pagina iniziale. Si connetta nuovamente per continuare la sessione.
#

Insegnamento, professioni pedagogiche

La formazione degli insegnanti si svolge attorno a questioni legate alla didattica, alle diverse forme d’apprendimento e alla gestione dei gruppi d’individui.

Indirizzi di studio

Gli studi nell’ambito della pedagogia preparano gli insegnanti ai loro compiti principali, ovvero l’insegnamento, la preparazione dei corsi, la valutazione e il sostegno. Uno degli obiettivi della formazione è quindi di riflettere sui metodi d’insegnamento più efficaci, che permettano a bambini e adolescenti di sviluppare le loro capacità di apprendimento e le loro attitudini sociali, artistiche e intellettuali.

Formazione

A seconda del livello d’insegnamento o alla disciplina, la formazione si effettua in una SUP, università o ASP.

I docenti di scuola dell’infanzia e di scuola elementare seguono la formazione pedagogica presso un’alta scuola pedagogica, una scuola universitaria professionale o un’università a dipendenza dei cantoni. I docenti di scuola media dopo un bachelor universitario nel proprio ambito disciplinare (matematica, fisica, biologia, lingue, storia, ecc.), accedono alla formazione pedagogica presso un’alta scuola pedagogica, una scuola universitaria professionale o un’università a dipendenza dei cantoni, per conseguire il relativo diploma che abilita all’insegnamento.

I docenti di scuola media superiore devono invece completare studi universitari di livello master e successivamente acquisire il diploma per l’abilitazione nel campo dell’insegnamento. Per insegnare nelle scuole professionali è di regola necessario un master universitario ma, a seconda della materia e della scuola, si può accedere all’abilitazione all’insegnamento anche con altri titoli di studio e professionali. Per insegnare educazione visiva o musica bisogna inizialmente concludere i relativi studi in una scuola universitaria professionale e successivamente seguire una formazione pedagogica.

Gli studi di pedagogia curativa, educazione speciale e logopedia, sono offerti sia da università sia da scuole universitarie professionali o alte scuole pedagogiche, mentre la formazione in terapia psicomotoria si svolge unicamente presso una scuola universitaria professionale.

Gli indirizzi di studio relativi all’insegnamento nelle scuole pubbliche, sono regolamentati a livello cantonale e riconosciuti dalla Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE) a livello intercantonale.

Sbocchi professionali

I docenti e le docenti che hanno assolto una formazione «classica» (dal livello prescolastico sino a quello del secondario II) insegnano prevalentemente a bambini e adolescenti sani, di regola all’interno di classi scolastiche. I professionisti con una formazione in pedagogia curativa e educazione speciale, logopedia o terapia psicomotoria si occupano invece delle esigenze specifiche di gruppi di persone ben precisi. Siccome la scuola di grado primario (scuola elementare) e quella di grado secondario I (scuola media) sono obbligatorie, la grande maggioranza delle professioni di questo settore viene gestita e finanziata dalle istituzioni.

Ci saranno sempre bambini e adolescenti a cui insegnare, tuttavia il mercato del lavoro nelle professioni pedagogiche è soggetto a brusche oscillazioni dovute soprattutto alle fluttuazioni annuali del tasso di natalità, a decisioni politiche (relative ad esempio alle dimensioni delle classi o al raggruppamento di tipi di scuole e centri scolastici), ma anche a fattori congiunturali.
Per quanto riguarda il livello postobbligatorio, il mercato del lavoro dipende fortemente dalla materia di insegnamento scelta.

Grazie alla loro ampia formazione generale e alle competenze didattiche, pedagogiche e psicologiche, i docenti possono orientarsi verso altri settori professionali non necessariamente legati alla scuola. Ad esempio in ambiti dove le capacità didattiche, metodologiche o psicologiche sono particolarmente richieste: la gestione del personale, la formazione di base e continua all’interno delle aziende, il mondo della stampa, della radio e della televisione, le istituzioni socio-pedagogiche, la sanità, le parrocchie, le associazioni sportive nonché il turismo. I docenti che dispongono di una formazione accademica completa di livello master, hanno inoltre la possibilità di intraprendere un’attività scientifica legata al loro ambito di studio.

Curricoli di studio

  • Insegnamento al livello primario
  • Insegnamento al livello secondario I
  • Insegnamento al livello secondario II
  • Insegnamento delle attività creativi, insegnamento delle arti visive
  • Insegnamento della musica e del movimento
  • Logopedia
  • Pedagogia curativa, pedagogia specializzata